L’agopuntura e la moxibustione sono due delle più antiche tecniche terapeutiche utilizzate nell’area culturale cinese per più di duemilacinquecento anni.

PUNTI:

Come tutti sanno l’agopuntura si basa sull’infissione di aghi molto sottili in corrispondenza di punti precisi indicati secondo una mappa che si ispira a concezioni fisiologiche antiche. Secondo il Nei Ching i punti sono idealmente 365, simbolicamente correlati al numero dei gradi celesti e al numero dei giorni dell’anno. Da qui si può constatare l’importanza della filososfia del macro-microcosmo che ha sempre costituito il fondamento della teoria dell’agopuntura. Oggi quelli più comunemente utilizzati non sono più di qualche decina.

MERIDIANI

La natura del sistema dei meridiani è circolatoria: una rete di canali deputati al trasporto di energia a tutti i tessuti dell’organismo così come i vasi sanguigni veicolano il succo vitale.

EQUILIBRIO

In Cina come in Grecia la malattia si configurava come una turba dell’equilibrio quando una delle entità fondamentali del corpo guadagna supremazia sulle altre. In Cina per uno squilibrio INN YANG, o flusso anomalo nel sistema dei canali, quando la corrente poteva farsi troppo tumultuosa oppure, per una specie di blocco, troppo scarsa, l’agopuntura costituiva uno dei primi metodi di intervento.