La dott.ssa Noziglia ci spiega "I molteplici usi degli oli essenziali"

oli essenzialiLe fragranze hanno un istantaneo e invisibile potere di penetrare la nostra coscienza con puro godimento. Ciascuna dei 10 milioni di cellule olfattive possiede 6-12 ciglia vibranti equipaggiate di recettori in grado di riconoscere le molecole profumate. Attraverso di loro il nostro sistema nervoso limbico, la parte più antica, emozionale del cervello, entra in diretto contatto con l’ambiente.

DIFFUSIONE AMBIENTALE
Si può trasformare l’atmosfera di una stanza in pochi minuti con un diffusore di oli essenziali singoli o in sinergia. Sono ideali per purificare l’aria e rallegrare l’umore. Si possono usare alla dose di 3-8 gocce in una lampada per aromi.

MASSAGGIO
L’effetto combinato del massaggio e della virtù degli oli essenziali è uno dei modi migliori per sperimentare l’aromaterapia. Il massaggio rilassa i muscoli, aumenta il tono muscolare, la circolazione sanguigna e linfatica. Allevia lo stress e le tensioni. Le essenze vanno diluite in un olio vegetale come mandorle, sesamo, macadamia. La dose raccomandabile è di 1 goccia ogni 2 g di olio vegetale, cioè 10-15 gocce per 30 ml di olio. Per le persone o le pelli sensibili è meglio dimezzare.

OLIO PER IL VISO
Si possono aggiungere 2 gocce di essenza a 30 ml di olio vegetale quali jojoba, rosa mosqueta, borragine per massaggiare il volto evitando il contorno occhi.

MASCHERA FACCIALE
Dopo aver mescolato argilla o farina d’avena con acqua fino ad ottenere una pasta morbida e liscia si possono aggiungere 2 gocce di essenze per una maschera di pulizia.

FRIZIONI TORACICHE
Alcuni oli essenziali sono indicati per alleviare raffreddamenti e congestioni respiratorie. Per es. pino, rosmarino, Si diluiscono 20 gocce in 30 ml di olio vegetale e si massaggiano il torace e il dorso.

MEDITAZIONE
L’uso di diffondere oli aromatici per le pratiche spirituali è millenario. Si adattano a questo scopo l’incenso, il patchouli, l’olio di sandalo.

PEDILUVI
Quando i piedi si sentono bene contribuiscono al benessere generale. Le essenze sono assorbite facilmente in questa sede. Il pediluvio si prepara in una bacinella capiente con acqua calda, rilassante, o fredda, energizzante. Si aggiungono 6-8 gocce di essenze disperse in un cucchiaio di panna, miele o latte in polvere.

BAGNI
Il bagno combina piacevolmente l’effetto ristorativo dell’acqua e delle essenze. Oggi, tempo di rapide docce, è un lusso che dovremmo permetterci più spesso. Poiché le essenze si sciolgono male nell’acqua vanno mescolate a qualche cucchiaio di panna, latte in polvere, miele.

BAGNI DI VAPORE PER IL VISO
Si aggiungono 1-2 gocce di essenza a 2 litri di acqua calda e si espone la faccia (ad occhi chiusi) per qualche minuto per un bagno di vapore depurativo della pelle. Alcune delle essenze indicate sono lavanda, salvia sclarea, achillea, neroli.

PROFUMI E COSMESI
Le essenze possono essere aggiunte a una crema base neutra alla dose di 10-15 gocce per 60 ml di crema.

Dott.ssa Maria Noziglia specialista in agopuntura