Lettura: "La ricerca"

LA-RICERCA-OshoRiedizione interamente rivista e migliorata di un bestseller di discorsi di Osho sullo Zen di Kakuan e sui dieci passi da compiere per raggiungere l’illuminazione. Il libro è corredato da bellissimi disegni nello stile della pittura Zen.

“Ci avviamo verso un insolito pellegrinaggio.”
Così Osho apre questa serie di discorsi su un tema praticamente senza origine: questo, infatti, è il viaggio dell’uomo, è la nostra ricerca, dietro qualsiasi idea della vita si abbia, al di là di qualsiasi proiezione motivi il nostro agire.

“Questi dieci tori sono una raffigurazione pittografica della ricerca che io chiamo uomo! Il toro indica la vostra energia, quell’energia ignota e strana che voi siete. Kakuan dipinse dieci immagini in cui condensò tutta la ricerca dell’uomo, e l’uomo è una ricerca”. Qualcosa che inizia con la nostra nascita e prosegue fino e oltre la nostra morte.

“I Dieci Tori dello Zen rappresentano qualcosa di unico nella storia della consapevolezza umana. Sono un tentativo unico e globale di esprimere l’inesprimibile”. Osho

L’apologo del pastore che va alla ricerca del toro, lo affronta, lo doma riportandolo sulla via di casa, è forse il più noto. Di certo è quello che ci tocca di più: quell’animale siamo noi, incarna la nostra forza priva di controllo, la nostra natura irascibile, il nostro istinto; ma soprattutto la nostra mente e il suo regno, tutte cose che ci dominano e ci condizionano.

Quello comunque è il punto di partenza: da vedere, da accettare, senza tuttavia cedere ad alcuno sconforto. Incontrare la parte più oscura di noi stessi è parte del viaggio, è l’inizio. Farlo implica già “scorgere le orme”, cogliere, seppur con la mente, il senso della verità. Da qui nasce una forza che è già “vedere il toro”, “catturarlo”… e via via “pascolarlo” e “montargli in groppa”.

Tutti passi che nascondono un sottile lavoro interiore sia sugli istinti sia sulla mente e dunque implicano un reale lavoro su di sé che ritmi e accompagni la lettura: in questo la voce di Osho risuona attuale e rende concreto questo materiale, già di per sé corposo, in quanto Kakuan nulla lasciò di intentato per comunicare un messaggio vivente. Nel testo originario si intercalano infatti pittura, poesia e prosa, il cui coinvolgimento è assoluto. Nel volume che proponiamo questo sforzo corposo è integro: le immagini dei dieci quadri sono anzi duplici, in quanto rafforzate dalla serie di immagini riprodotte all’inizio di ogni capitolo di proprietà della Tenri University Fuzoku di Somanouchi-cho.

Il messaggio è attuale: Osho infatti continuamente rimanda alla nostra responsabilità di essere consapevoli del nostro destino reale.

Fonte: oshoba.it