Lettura: "Omeopatia, l'acqua che cura"

La medicina “classica” afferma che ogni accadimento biologico sia esclusivamente la conseguenza di reazioni chimiche tra le molecole, che dovrebbero incontrarsi e interagire secondo il modello “chiaveserratura”.

L’omeopatia mostra l’inadeguatezza di tale spiegazione puramente molecolare di un essere vivente.
• Chi governa il traffico delle molecole?
• Come si mantiene l’ordine preciso in un organismo vivente?
• Qual è il ruolo dell’acqua in un organismo vivente?
• Come comunicano le molecole tra di loro?
• In che modo mente e corpo interagiscono tra di loro?
• Come va interpretata l’unità psico-fisico-emozionale?

Le nuove idee che emergono nella scienza e nuovi studi forniscono le prime risposte a tali interrogativi e la base concettuale per comprendere l’omeopatia, che dietro il velo dell’irrazionale nasconde una verità profonda.

In tal senso, l’omeopatia può essere la chiave per una biologia e una medicina in grado di spiegare la capacità di autoorganizzazione della materia vivente e la sua unità psico-fisico-emozionale.