Roma, nasce il Museo dell'omeopatia

É stato inaugurato il 17 giugno a Roma il primo museo dell’Omeopatia in Italia. Nasce da un progetto del Prof. Antonio Negro ( 1908 – 2010) , fondatore dell’Accademia Italiana di Omeopatia e leader dell’Omeopatia moderna. A Lui si deve, in larga parte, la diffusione attuale dell’Omeopatia in Italia.

L’Omeopatia, a oltre 200 anni dalla sua nascita, rappresenta una realtà clinica apprezzata e utilizzata da un vasto pubblico in tutto il mondo. In Italia circa otto milioni di persone adottano tale sistema terapeutico. La distribuzione dei farmaci omeopatici è diffusa su tutto il territorio nazionale. Aziende italiane specializzate producono prodotti omeopatici e numerose sono le rappresentanze di Aziende europee. Aziende, medici e pazienti si sono riuniti in Associazioni o Federazioni. Numerose inoltre le Società con finalità didattiche e scientifiche. Alcune Regioni, attraverso il SSN, offrono al pubblico l’alternativa omeopatica, così come numerosi Ordini Provinciali di Medici e di Farmacisti promuovono iniziative riguardanti l’Omeopatia. Il Museo ha sede in Piazza Navona 49 nei locali dove l’Accademia Italiana di Medicina Omeopatica (AIMO) ha svolto la sua attività, per 50 anni, dal 1953 al 2003. E’ una sede “storica” per l’Omeopatia italiana moderna.

Il Museo è unico del suo genere in Italia . In Europa ne esiste soltanto un altro, presso l’Istituto di Storia della Medicina di Stoccarda – Fondazione Bosch, che conserva le opere manoscritte di Samuele Hahnemann (1753 – 1834), padre dell’Omeopatia.

Il Museo conserva un materiale di grande interesse storico. Per tale motivo gode della promozione del Ministero dei Beni Culturali. Sono raccolti archivi privati di medici omeopatici dell’800 e ‘900, giunti per donazione o affidamento. Il museo comprende una ricca collezione di testi di Omeopatia (in lingua italiana, tedesca, francese, inglese, spagnola). Di particolare rilievo la sezione hahnemanniana.

La collezione di kit o trousse di medicinali omeopatici, conservata nel Museo ( oltre 200 esemplari) è la più importante tra quelle note, pubbiche o private. Il Museo conserva inoltre una ricca raccolta di Memorabilia e Documenti relativi alla medicina omeopatica dell’800 e del ‘900. Il Museo sarà aperto gratuitamente al pubblico e a disposizione per la consultazione da parte di studiosi; promuoverà mostre, incontri , seminari, pubblicazioni scientifiche e didattiche, con lo scopo di proporsi come un punto di riferimento nazionale ed europeo per lo studio dell’Omeopatia.