Una cipolla contro l'influenza, perché non provare

Leggete questa storia è davvero interessante. Non abbiamo un riscontro scientifico, ma a volte le vecchie tradizioni valgono più di 100 bugiardini.

Nel 1919 quando l’influenza uccise 40 milioni di persone, c’era un medico che si prese cura dei tanti agricoltori. All’epoca si moriva d’influenza come niente ed erano loro i soggetti più a rischio, tutto il giorno all’aria aperta al freddo.

Il medico, un giorno, andò presso un contadino e con sua grande sorpresa constatò che tutta la sua famiglia era incredibilmente sana.

Quando il dottore chiese spiegazione sul perché della sana e robusta costituzione la moglie  rispose : <<Ho messo una cipolla non sbucciata in un piatto nelle stanze della casa>>. Incredulo il medico non capì, così chiese alla donna se poteva avere una delle “sue cipolle” anti influenza. La esaminò al microscopio e dalle sue analisi risultò che il virus stava giacendo proprio nella cipolla: l’ortaggio aveva assorbito il batterio mantenendo la famiglia sana.