Cinque terre, un gioiello a rischio

Le Cinque terre rischiano di sprofondare ma non solo, sono 32 su 32 i comuni della Spezia ad essere in pericolo. A lanciare l’allarme è Marino Fiasella, commissario straordinario della Provincia di La Spezia, che spiega:

«Il principale problema in questa zona è dato dalla troppa gente che sollecita un territorio che necessita di manutenzione e cure meticolose».

I terrazzamenti, comparsi nello Spezzino intorno all’anno Mille, hanno permesso per secoli agli abitanti locali di vivere coltivando queste terre strappate a pendenze impossibili.

Ma oggi quel terreno è stato violentato di costruzioni e abusi, così che nel 2011 le Cinque Terre rimangono tre: Vernazza e Monterosso vengono sommerse di fango e con loro 18 vittime. Cosa fare? Una proposta c’è e la offre una ricerca intitolata Terrazzamenti e dissesto idrogeologico: analisi del disastro ambientale delle Cinque Terre lanciata da Mauro Agnoletti, professore associato di Pianificazione del territorio e di storia ambientale delll’Università di Firenze, insieme ad altri ricercatori.

Il lavoro sarà presentato il 9 novembre a Firenze, durante i lavori di Florens, la biennale internazionale dei Beni culturali e ambientali. Vedremo se il futuro delle nostre terre sarà messo in sicurezza, vi terremo aggiornati.

Fonte: corrieredellasera.it